Un modello del Sistema Solare

Come realizzare un modello dei pianeti del sistema solare utilizzando materiali casalingi.
Syeda Lammim Ahad, Bangladesh University of Engineering and Technology
Goals
  • Creare un modello in scala del sistema solare utilizzando sfere di plastica e materiali come argilla o cartapesta
  • Imparare a collaborare e lavorare in gruppo, seguendo le istruzioni per raggiungere un obiettivo comune
Learning Objectives
  • Elencare i pianeti del sistema solare
  • Disporre i pianeti del sistema solare in ordine rispetto al Sole
  • Rappresentare i pianeti del sistema solare usando modellini creati manualmente
Evaluation
  • L'insegnante guiderà i ragazzi durante l’attività
  • L'insegnante non assisterà direttamente gli studenti ma si accerterà che seguano correttamente le istruzioni
  • Una volta costruiti i modellini dei pianeti, i ragazzi li sistemeranno nel corretto ordine rispetto al Sole
  • L'insegnante chiederà a ogni studente di elencare i pianeti e sistemarli uno per uno
Materials

Per svolgere quest’attività sono necessari alcuni dei materiali del kit "Universe in a Box"

Dal kit:

  • Pianeti di plastica
  • La sfera che rappresenta il Sole (SunBall)
  • Vernici e pennelli
  • Forografie dei pianeti

Se non si ha accesso al kit, è possibile usare materiali simili. Ogni studente o gruppo di studenti necessita di:

  • 8 sfere di plastica di diverse dimensioni per rappresentare i pianeti
  • 1 sfera più grande, possibilmente gialla, per rappresentare il Sole
  • Vernici e pennelli
  • Fotografie dei pianeti (da scaricare)
  • Argilla o cartapesta (v. sezione "Altre informazioni")
  • Cotone
Background Information

Il sistema solare, in cui viviamo, è composto dal Sole, la sua stella centrale, e da otto pianeti coni relativi satelliti e da molti pianeti nani. Tutti questi corpi celesti, insieme a centinaia di migliaia di comete e asteroidi, orbitano attorno al Sole.

La Terra è un pianeta molto speciale: è casa nostra! Non solo, è anche l’unico luogo in cui sappiamo che c’è vita. Per apprezzare appieno questa unicità, i ragazzi devono confrontare la Terra con gli altri pianeti del sistema solare. Poiché la Terra si trova a circa 150 milioni di chilometri dal Sole, la sua temperatura è quella giusta per permettere la presenza di acqua liquida sulla superficie, a differenza della maggior parte degli altri pianeti. Questo si è rivelato cruciale per lo sviluppo della vita!

Il Sistema Solare nel suo insieme fa parte della Via Lattea, un insieme di circa 200 miliardi di stelle disposte a spirale, insieme a gas e polvere. Miliardi di queste stelle hanno pianeti e questi, a loro volta, hanno lune. Questo suggerisce che probabilmente non siamo soli nella Via Lattea, ma le distanze tra le stelle sono così grandi che visitare un altro mondo è molto difficile. La stella più vicina a noi, Proxima Centauri, si trova a una distanza di circa 4.22 anni luce da noi (cioè oltre 40 trilioni di chilometri): è così lontana che per raggiungerla bisognerebbe compiere un viaggio della durata di generazioni di vite umane. I pianeti che orbitano attorno ad altre stelle sono chiamati pianeti extrasolari o esopianeti: gli astronomi hanno già scoperto più di 2500 di questi esopianeti.

Possiamo classificare i pianeti del nostro sistema solare in due tipi: i pianeti rocciosi, più vicini al Sole e dotati di una superficie solida, e i giganti gassosi, più lontani dal Sole, più massicci e composti principalmente da gas. Mercurio, Venere, Terra e Marte appartengono alla prima categoria mentre Giove, Saturno, Urano e Nettuno rientrano nella seconda. Plutone, il nostro ex pianeta più esterno, è considerato un pianeta nano dal 2006. Tra Marte e Giove si trova la cosiddetta cintura di asteroidi, un anello di migliaia di oggetti di diverse dimensioni che circonda il Sole. I più grandi tra questi oggetti possiedono un proprio nome, esattamente come avviene per i pianeti. Uno di loro, Vesta, è così grande da essere considerato anche lui un pianeta nano.

Full Activity Description

Passo 1:

L’insegnante, insieme a un piccolo gruppo di studenti, dipingerà le sfere di plastica aiutandosi con le fotografie dei pianeti: Mercurio (3.5 mm), Venere (10 mm), Terra (10 mm), Marte (5 mm), Giove (100 mm), Saturno (85 mm), Urano (35 mm), Nettuno (35 mm) e il Sole (150 mm). Le dimensioni delle sfere sono volutamente non in scala, in modo tale che i ragazzi possano gestirle meglio.

Passo 2:

Lasciare che la vernice si asciughi. Introdurre il sistema solare agli studenti usando le informazioni che si trovano nella sezione “Altre informazioni”. Mostrare agli studenti le immagini dei pianeti.

Passo 3:

Disegnare anelli concentrici vicino al bordo del disco di plastica di Saturno e fissarlo al suo equatore.

Passo 4:

Usando le sfere di plastica e le immagini dei pianeti creare, insieme ai ragazzi, modelli dei pianeti e del Sole usando cotone, argilla o cartapesta.

(Image credit: Wikimedia commons, WP)

Passo 5:

Far posizionare agli studenti tutti i pianeti sul tavolo, nel giusto ordine. Chiedere loro di controllare se anche i pianeti degli altri gruppi sono posizionati nello stesso ordine. Fare disporre i pianeti dal più piccolo al più grande.

Passo 6:

Invitare uno studente o un gruppo di studenti a scegliere un pianeta e parlarne a tutta la classe.

Curriculum
Paese Livello Materia Certificazione Argomento
I Scuola primaria (ultimo anno) Scienza - Terra e Spazio
I Scuola primaria Arte -
Additional Information
Conclusion

Gli studenti prepareranno un modellino abbastanza proporzionato del sistema solare, sistemando i pianeti nel giusto ordine rispetto al Sole. Lavoreranno in piccoli gruppi con la supervisione dell’insegnante. Al termine dell’attività, i ragazzi impareranno le dimensioni e le posizioni relative dei diversi pianeti del sistema solare. Inoltre impareranno a costruire manualmente semplici modellini usando materiali come argilla, cotone, ecc.

comments powered by Disqus